top of page

Essere un buon padre/madre, ma un cattivo genitore. Possibile?


Una nonna, un padre e un bambino guardano foto

Spoiler: sì.


Caratteristiche di un buon padre/una buona madre


L'accudimento, la protezione, il calore emotivo, l'organizzazione, la capacità di farsi aiutare.


E ancora la funzione riflessiva, la capacità di comprendere gli stati mentali del bambino e saper prevedere la sua evoluzione futura.


La capacità di individuarsi dalla famiglia di origine, raccogliendo l'eredità degli aspetti desiderabili e scegliendo di fare a meno delle zavorre.


Tutti elementi che ci rendono capaci di stabilire una relazione a due ottimale con il nostro figlio o la nostra figlia.


E quando si diventa un buon genitore?


Il buon genitore può non coincidere con la buona madre o il buon padre. Perché il buon genitore è quello capace di prestare attenzione al sistema familiare.


Noi non siamo una famiglia, eravamo una coppia e non lo siamo più

Questo ci dicono i padri e le madri in crisi, le coppie separate e arrabbiate. Ma una famiglia lo si rimane, anche nella separazione: anche se non ci si parla più si continua a essere la famiglia del proprio bambino.


I buoni genitori sono quelli che riconoscono come i propri figli siano frutto dell'unione di due stirpi, senza le quali non sarebbe nato.


E che sono in grado di garantire sempre l'accesso all'altro genitore* e di tutelare la sua immagine.

(* tranne in caso di maltrattamento, incuria, abbandono, violenza domestica: pericolo concreto per il minore)


Nelle separazioni, facciamo in modo che l'odio per l'altro genitore non superi l'amore per il proprio figlio.




Se hai bisogno di aiuto contattaci, possiamo aiutarti.







42 visualizzazioni0 commenti

Grazie per esserti iscritto!

bottom of page